La neolingua anglofona turbocapitalistica lo chiama spread: in realtà è la reazione organizzata della classe dominante apolide-finanziaria allorché le masse nazionali-popolari votano altrimenti rispetto ai suoi desiderata.


“Io mi posso comportare umanamente con la cosa solo se la cosa si comporta umanamente con l’uomo”. (K. Marx, Manoscritti economico-filosofici del 1844)



(Visualizzazioni 2.445 > oggi 2)