I vigliacchi dell’antifascismo militante in assenza di fascismo:

squadristi fascisti ignari di esserlo; traditori di Marx e di Gramsci; utili idioti del capitale finanziario, che li usa per delegittimare anche con la violenza ogni anelito di liberazione dal totalitarismo glamour del capitale.

 


«Solo in quanto io posso considerare questo stato come mezzo per il raggiungimento di uno stato migliore, come punto di passaggio a uno stato più alto e più perfetto, esso acquista un valore per me; io lo posso sopportare, rispettare, e realizzare lietamente in esso ciò che mi spetta, non per questo stato stesso ma nella speranza di un meglio che esso prepara». (J. G. Fichte, La destinazione dell’uomo)



(Visualizzazioni 807 > oggi 1)